Montegaldella

Campiello: la cinquina finalista

Sono servite quattro votazioni della Giuria dei Letterati, presieduta da Carlo Nordio, per scegliere la cinquina finalista della 56/a edizione del premio Campiello, oggi all'Università di Padova. Ecco la cinquina: Helena Janeczek, con "La ragazza con la Leica" (Guanda), con 9 voti; Ermanno Cavazzoni, con "La galassia dei dementi" (La Nave di Teseo), 6 voti; Davide Orecchio con "Mio padre la rivoluzione" (Minimum Fax), 6 voti; Francesco Targhetta, con "Le vite potenziali" (Mondadori), 6 voti e Rosella Postorino con "Le assaggiatrici" (Feltrinelli), 6 voti. I cinque finalisti sono stati scelti tra le 65 opere segnalate al premio letterario di Confindustria Veneto (su 248 ammessi dalla giuria tecnica). Il premio Campiello Opera prima, attribuito ad un autore all'esordio, è stato assegnato a Valerio Valentini, con "Gli 80 di Campo-Rammaglia" (Laterza).

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie